Ginnastica Posturale

Sedute Individuali

Lo scopo è di eliminare gli stati dolorosi e di diminuire le tensioni nei muscoli, ridando loro lunghezza ed elasticità. Contemporaneamente, la persona impara a percepire il corpo, a sentire se la muscolatura è rigida o rilasciata, a rendersi conto delle posizioni (scorrette) che assume ogni giorno.

I cambiamenti ottenuti possono essere integrati per mezzo di una muscolatura più sciolta che consente di mantenere una postura più comoda ed equilibrata.

Le sedute individuali, che spesso si integrano al lavoro di gruppo, consentono un intervento approfondito e duraturo sull’assetto posturale perché modificano le tensioni più profonde e “croniche” che sono spesso la causa di disturbi importanti e dolorosi (scoliosi, cifosi, ernie discali, ecc.)

Gruppi

Un lavoro dolce, progressivo, fatto di piccoli movimenti e di presa di coscienza delle posture sbagliate e delle tensioni muscolari, riporta la persona ad un movimento naturale ed armonico.
L’allungamento delle principali catene muscolari associato al rilassamento e alla decontrazione, ridà elasticità ed equilibrio alla postura. Gruppi di 7-8 persone, consentono un intervento approfondito e individualizzato. La metodologia si ispira ai principi Mézières, all’antiginnastica e all’eutonia. La frequenza è di una volta alla settimana.

Gruppi in ascolto

I gruppi di educazione posturale possono essere integrati con il metodo Tomatis. I partecipanti sono comodamente sdraiati a terra, eseguono movimenti semplici e rilassanti mentre indossano una cuffia, attraverso la quale ascoltano musiche di Mozart filtrate da un’apposita apparecchiatura elettronica. In questo contesto, il metodo Tomatis ha la funzione di armonizzare l’azione vestibolare dell’orecchio e di facilitare la presa di coscienza del proprio corpo.
La parte vestibolare dell’orecchio è direttamente collegata al cervelletto e, insieme ad esso, controlla e coordina la muscolatura profonda posturale. Quest’ultima, a differenza dei muscoli più grandi e superficiali che ci consentono di eseguire determinati movimenti, ha il compito di mantenere il nostro corpo in una certa posizione (postura).
Questo tipo di lavoro ha quindi un doppio vantaggio: con il movimento, un’azione periferica sulla muscolatura (superficiale e profonda); con l’intervento sul vestibolo, un’azione centrale sugli organi del sistema nervoso che organizzano la postura e regolano l’equilibrio del tono muscolare.
La frequenza è di una volta alla settimana